La biografia e la filmografia di questa famosa attrice Kally Sambucini

Scopri la biografia e la filmografia di questa famosa attrice Kally Sambucini

La biografia di Kally Sambucini

Kally Sambucini nasce Calliope Sambucini il 18 agosto 1892 a Roma e muore nella stessa città il 27 dicembre 1969 è un'attrice italiana del cinema muto.
Alcune attrici hanno iniziato la loro carriera come modelle Kally Sambucini ha iniziato la sua carriera in teatro prima di passare al cinema e alla televisione. Dopo aver giocato piccoli ruoli inizia a giocare nei film. Lei è nata nella bella città di ; il film che l'ha rivelata al mondo è Za la Mort; regia di Emilio Ghione (1915). Ha iniziato la sua carriera di attrice relativamente giovane; e il suo immenso talento la spinse rapidamente sulla scena internazionale.

La filmografia di Kally Sambucini

  • Za la Mort; regia di Emilio Ghione (1915)
  • Alla capitale; regia di Gennaro Righelli (1916)
  • Anime buie; regia di Emilio Ghione (1916)
  • La rosa di Granada; regia di Emilio Ghione (1916)
  • Il numero 121; regia di Emilio Ghione (1917)
  • Il triangolo giallo; regia di Emilio Ghione (1917)
  • L'ultima impresa; regia di Emilio Ghione (1917)
  • Nel gorgo; regia di Emilio Ghione (1918)
  • I topi grigi; regia di Emilio Ghione (1916-1918)
  • Dollari e fraks; regia di Emilio Ghione (1919)
  • Lo scaldino; regia di Augusto Genina (1919)
  • Il castello di bronzo; regia di Emilio Ghione (1920)
  • I quattro tramonti; regia di Emilio Ghione (1920)
  • L'ultima livrea; regia di Emilio Ghione (1920)
  • Senza pietà; regia di Emilio Ghione (1921)
  • Za-la-Mort contro Za-la-Mort (Quale dei due?) regia di Emilio Ghione (1922)
  • Il quadrante d'oro; regia di Emilio Ghione (1922)
  • Le due catene; regia di Emilio Ghione (1923)
  • Ultimissime della notte; regia di Emilio Ghione (1923)
  • La via del peccato; regia di Amleto Palermi (1924)
  • Za la Mort - L'incubo di Za la Vie titolo originale Za la Mort - Der Traum der Za la Vie regia di Emilio Ghione (1924) - Produzione tedesca - accreditata come Kally Sam.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *